I MIEI SEGRETI: IL RISCALDAMENTO

I MIEI SEGRETI: IL RISCALDAMENTO

La prima cosa di cui occuparsi è prevedere sempre un riscaldamento adeguato allo sforzo che ci verrà richiesto in acqua. Riscaldarsi prima di una seduta è, infatti, parte integrante dell’allenamento stesso e non bisogna mai, per nessun motivo, rinunciarci.

Per il nuoto è importante realizzarne sia una parte a secco, fuori dalla vasca, che una in acqua, da concludere proprio a ridosso dell’inizio dell’allenamento vero e proprio.

Il focus principale di questa fase è sulle spalle e sulla schiena, che sono le zone maggiormente sollecitate, e quindi a rischio infortuni, per un nuotatore.

Esercizi per riscaldare le cuffie dei rotatori, per aumentare la mobilità della schiena e per attivare adeguatamente la parete addominale devono costituire l’inizio di ogni seduta. A partire da alcune semplici rotazioni delle spalle, per concludere con delle tenute di plank dinamico capaci di mettere in moto tutta la catena muscolare. Dopodiché, una volta spostati in acqua, è sempre bene iniziare le prime vasche mantenendo un ritmo di bracciata e di gambata piuttosto blando, in modo da aumentare progressivamente i giri del proprio motore e arrivare caldi al cento per cento per la parte centrale del lavoro.