GLI ERRORI PIU' COMUNI: L'ALIMENTAZIONE

GLI ERRORI PIU' COMUNI: L'ALIMENTAZIONE

Sottovalutare l’impatto di una scorretta alimentazione è uno dei rischi maggiori che può correre un runner: la superficialità e gli eccessi possono soltanto peggiorare la prestazione, con dei rischi anche per la salute.

È importante mangiare sempre qualcosa di leggero ma sostanzioso un paio di ore prima della seduta, altrimenti si rischia di iniziare a correre con la digestione ancora in corso. È importante evitare cibi troppo ricchi di grassi o di zuccheri: i primi sono difficilmente digeribili mentre i secondi generano dei picchi glicemici che però si esauriscono velocemente.

Per questo prima di un’uscita dovremo privilegiare i carboidrati complessi, come le fette biscottate (o il pane) con la marmellata (o il miele) oppure la pasta o il riso in bianco. Questo tipo di scelta ci permetterà di avere un’energia a rilascio più lungo nel corso di tutto il tempo passato a correre.

Altrettanto importante è l’idratazione durante l’allenamento: meglio bere poco ma spesso, andando a reintegrare i sali minerali e i liquidi persi nello sforzo. Ricordiamoci di bere a sufficienza anche quando fa freddo perché nonostante risulti meno naturale farlo, il corpo brucia maggiormente nella fatica fatta a basse temperature.